Travel menu


   

 

Ora nel mondo

Chi c'è in linea

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

In caso di overbooking

La vendita dei biglietti aerei viene attuata attraverso diversi canali, spesso tra non loro non perfettamente sincronizzati; questo potrebbe generare la vendita di un biglietto in realtà già venduto. Questo è un tipico caso di overbooking!

La compagnia è a conoscenza di tale situazione, ma in questi casi non ha alcun modo per definire chi è il passeggero in possesso del “biglietto di troppo” pertanto lascia che la cosa venga definita al momento dell’imbarco.

Potrebbe infatti accadere un caso di no-show, e così la cosa sarà bene che definita!

In alternativa, il passeggero arrivato per ultimo al check-in verrà riprotetto su di un volo successivo, unitamente al pagamento delle spese extra (eventuale notte in hotel, pasti, transfer,…)

Insomma, per legge la compagnia deve offrire un volo alternativo o il rimborso, una compensazione pecuniaria in dipendenza della distanza, e assistenza al passeggero in aeroporto.

 

Nei casi di overbooking, la compagnia potrebbe non riconoscere tale situazione e valutare piuttosto l’idea di una soluzione “alternativa”…

…l’hostess al gate potrebbe insinuare un’irregolarità nel documento d’identità, invitandoci a seguirla al posto di polizia più vicino. Una volta mostrato il documento al poliziotto, questi confermerà la regolarità dello stesso ma nel frattempo l’imbarco sarà terminato ed il gate risulterà ormai chiuso. Risultato? Il nostro volo perso, e l’overbooking risolto ad insaputa di tutti!

 

Fate attenzione al documento d’identità:

-       se usurato, sostituitelo

-       se scaduto, rinnovatelo

-       nel dubbio tra carta d’identità e passaporto, prediligete il passaporto; spesso le compagnie aeree seguono solo la legge del proprio paese, non riconoscendo quanto previsto negli altri stati. Con il passaporto non si sbaglia mai…

I nostri Tour Operator